twitter  youtube   italia   inglese   spagnolo   Registrati

Analisi pushover nel piano ADRS(15.07.2015) PCM 2015 presenta l'Analisi pushover nel piano ADRS, disponibile da oggi con l'aggiornamento 2015.03.2.

Come noto, l'analisi statica non lineare (pushover) consiste in sintesi nei seguenti punti:
1. costruzione della curva di capacità, che ha come grandezze di riferimento lo spostamento di un punto di controllo (in genere in copertura) ed il taglio alla base; in questa curva viene individuato il punto corrispondente allo stato limite ultimo (in corrispondenza del quale viene definita la capacità in termini di spostamento)
2. confronto della capacità in termini di spostamento con la domanda, cioè con lo spostamento richiesto dall'azione sismica in input.
La procedura per determinare la domanda richiede di individuare la curva di capacità di un oscillatore equivalente ad un grado di libertà da cui ricavare una curva bilineare avente un primo tratto elastico ed un secondo tratto perfettamente plastico.

La curva bilineare consente di determinare il periodo caratteristico della struttura e successivamente la domanda in termini di spostamento come illustrato dalla Normativa [1,2], fondata sulle relazioni proposte dal metodo N2 sviluppato all'Università di Lubiana [3].

Il confronto tra capacità e domanda in termini di spostamento avviene in modo diretto sul piano della curva spostamento-taglio. Alla domanda di spostamento in ascisse corrisponde un punto sulla curva, che può essere considerato il punto di funzionamento della struttura sotto il sisma in input.

In alternativa al piano taglio-spostamento, è possibile determinare il punto di funzionamento della struttura operando nel piano accelerazione spettrale-spostamento spettrale:
ADRS: Acceleration-Displacement Response Spectrum
e rappresentando in tale piano contemporaneamente sia la curva di capacità, sia lo spettro di risposta.

E' così possibile cogliere graficamente l'origine della domanda e la determinazione del punto di funzionamento.
La classica rappresentazione dell'azione sismica attraverso lo spettro elastico di risposta: pseudo accelerazione in ordinate e periodo in ascisse, viene trasformata riportando in ascisse lo spostamento. Parallelamente la curva di capacità, espressa come taglio alla base in ordinate e spostamento in ascisse, viene riportata in ordinate in termini di accelerazione equivalente.

Con il confronto capacità-domanda nel piano ADRS, PCM prosegue nell'ampliamento delle proprie funzionalità, con lo scopo di fornire agli Utenti strumenti sempre più idonei per la comprensione delle elaborazioni di calcolo. La contemporanea rappresentazione di spettro e curva di capacità nel piano ADRS consente infatti una definizione intuitiva del 'punto di funzionamento' della struttura, in linea peraltro con le procedure adottate nelle Normative Internazionali.

Bibliografia di riferimento
[1] Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Circolare. n. 617 del 02 febbraio 2009. Istruzioni per l’applicazione delle Nuove Norme Tecniche per le costruzioni, Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n. 47 del 26 febbraio 2009, Supplemento ordinario n.27.
[2] EN 1998-1:2004, Eurocode 8: Design of structures for earthquake resistance – Part1: General rules, seismic actions and rules for buildings
[3] P. Fajfar, M. Eeri, A nonlinear analysis method for performance based seismic analysis, Earthquake Spectra, 16:3, 573-592, 2000. (http://www.ikpir.com/data/bibliografije/att/1085537.fulltext.pdf)

Continuando a consultare aedes.it, acconsenti all'utilizzo dei nostri cookie.